Scuola sec. di secondo grado - Balagancik

Sostienici con un piccolo gesto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Scuola sec. di secondo grado

Laboratori
Escher
CORPO-SPAZIO-TEATRO
laboratorio teatrale per la scuola secondaria di secondo grado

La parola laboratorio nel suo più stretto significato si può riferisce ad un luogo attrezzato, dove si effettuano ricerche o altre operazioni di carattere scientifico o tecnico, come pure ad un luogo dove si lavora per fabbricare o riparare oggetti.
Il laboratorio teatrale possiamo benissimo accostarlo a queste definizioni, in quanto è luogo di ricerca, una ricerca che attinge al nostro corpo, alle nostre esperienze, alla relazione con gli altri, è luogo in quanto spazio, spazio dove muoversi, spazio in cui agire, spazio in cui creare, spazio dell’ascolto e dell’essere ascoltato, luogo di fabbrica creativa, di riparazione e/o modifica di comportamenti, paure, insicurezze, che ciascuno porta con sé.
Il laboratorio in quanto teatro è luogo dove il rispetto, l’attenzione, la relazione, il gioco, il movimento e la parola sono elementi fondamentali di un percorso formativo in cui la condivisione è un aspetto fondamentale.
Il mettersi in gioco, lo scoprirsi, il sapersi donare agli altri con i propri limiti crea il presupposto affinché lo spazio possa trasformarsi in laboratorio.
Lo scopo del laboratorio teatrale non sarà quello di formare attori, ma di offrire un’esperienza vissuta attraverso l’espressività corporea in modo coraggioso e sincero, collaborativo e giocoso, serio e passionale.

TEMATICHE e METODOLOGIA
Nel laboratorio si lavorerà con il corpo e la voce, per conoscere e potenziare le tecniche teatrali di base.
Verrà dato ampio spazio all'analisi e all'interpretazione di diversi testi teatrali, spaziando fra generi, stili ed autori.
Al termine del laboratorio verrà realizzato un momento di comunicazione.

DIDATTICA
Il laboratorio si pone come mezzo sociale alternativo per riscoprire un modo altro di stare insieme, una fuga dal virtuale nel quale oramai siamo immersi nostro malgrado.
Un modo per riscoprire le proprie potenzialità espressive attraverso una disciplina rigorosa ma ludica, diversificata e non imposta. Un percorso, quindi, che vale più di ogni narcisistico e vuoto desiderio di apparire, un viaggio che non ha l'ansia indotta di arrivare.
E' un laboratorio, una fucina, un crogiuolo di forze, un luogo per sperimentare con naturale lentezza l'arte atavica del teatro, inteso come istintivo desiderio di raccontare, ripercorrere, rivivere, richiamare.
Le discipline di studio sono molteplici e provengono dall'esperienza maturata in anni di formazione e di pratica da parte di chi conduce gli incontri.

ARGOMENTI DI STUDIO
Esercizi di riscaldamento. Esercizi di pre-espressività
Lo stimolo sensomotorio e lo stimolo psicomotorio.
Esercizi di ricerca sulle possibilità espressive.
Relazione tra corpo e voce.
Esercizi sulla percezione della tonicità e del rilassamento.
La tenuta di scena. L’appoggio. L’esposizione dell’attore
Immedesimazione ed improvvisazione.
Il mimo corporeo. Le figure di De Croux; figure a linee spezzate, figure a linee curve.
I centri espressivi della colonna vertebrale.
Relazione tra corpo e voce.
Immedesimazione ed improvvisazione.

OBIETTIVI GENERALI
Migliorare la comunicazione stimolando l'ascolto reciproco.
Rafforzare il desiderio di conoscere l'altro
Educare al rispetto dell'altro, alla collaborazione e alla cooperazione
Rafforzare l’autodisciplina;
Offrire l'opportunità di esprimere le proprie emozioni
Migliorare la capacità di esporsi in prima persona
Favorire l’accettazione di sé, e dei propri limiti e bisogni
Favorire il superamento di situazioni di disagio e insicurezza
Migliorare la capacità di ascolto e concentrazione
Imparare a rapportarsi con il pubblico
Sviluppare il giudizio critico e l'atteggiamento autocritico
Favorire la partecipazione attiva a sostegno di tematiche afferenti le arti espressive

OBIETTIVI COGNITIVI
Promuovere e divulgare l'educazione al teatro e ai suoi linguaggi
Avvicinare il pubblico allo spettacolo dal vivo
Promuovere una corretta e dinamica integrazione fra fare e vedere teatro
Avvicinare alla comprensione di un testo teatrale, individuando personaggi, ambienti, avvenimenti...
Leggere, analizzare, comprendere e manipolare un testo teatrale
Favorire la comprensione dei messaggi della narrazione;
Comprendere i messaggi dei testi musicali
Rafforzare le capacità espressive;
Stimolare l'immaginazione.


Torna ai contenuti | Torna al menu