Quand l'amour meurt - Balagancik

Sostienici con un piccolo gesto
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quand l'amour meurt

Teatro di ricerca
Sono, solo solo, rincantucciato presso alla mia finestra e guardo, per le vetrate, nella via deserta ove son tutte chiuse le botteghe.
Salvatore Di Giacomo - Mattinate napoletane

Quand l’amour meurt è, come lo definisce l’autore stesso, un mini dramma scritto nel 1910. Non ha avuto molte rappresentazioni o almeno non se ne hanno tracce se non il debutto al teatro Mercadante.
Il testo pretende una recitazione realistica dove sia possibile mettere in primo piano i personaggi con i loro sentimenti e non gli attori con le loro enfaticità, l’unica concessione alla modernità riguarda la scenografia dove il protagonista si concede di tanto in tanto una boccata d’aria dal balcone osservando il pubblico.
I personaggi portano dentro, l’impossibilità di esprimere il tormento, il disagio, il dramma delle implicazioni esistenziali dei cambiamenti epocali a cavallo dei due secoli scorsi. Questa condizione è vissuta nei silenzi, negli sguardi smarriti, nei gesti appena accennati e, soprattutto nell’impossibilità del dialogo, che in scena si tramuta in una sovrapposizione di brevissimi soliloqui di tutti i personaggi, come se ciascuno parlasse a se stesso.
A sottolineare l’importanza del “non detto” o meglio dell’impossibile o addirittura inutile dire, in Quand l’amour meurt, sono tante le informazione che Di Giacomo fornisce solo in didascalia, senza che ve ne sia traccia nelle battute dei personaggi, informazione ad uso e consumo degli attori e del regista, affinché trovassero il modo di farle emergere con estrema discrezione tra i semitoni, tra i gesti, tra i pensieri…
Nella apparente semplicità della vicenda Quand l’amour meurt è un opera compelssa, una gemma con una miriade di sfaccettature che poco ha in comune con l’immagine oleografica e stereotipata di Napoli che trapela dalle pur bellissime liriche del Di Giacomo e dei suoi contemporanei. Un opera da leggere, studiare, amare e soprattutto, vedere a Teatro.
Per concludere possiammo affermare che quando l’amore finisce si rischia di restare soli, in una stanza buia ed un solo freddo raggio di luna.


CREDITI
TITOLO: Quand l'amour meurt
DI: Salvatore di Giacomo
CON: Donatella Di Ruocco, Donatella Faraone Mennella, Alba Bove, Caterina de Martino, Arianna de Martino, Luigi Cesarano.
SCENE: Libero de Martino
REGIA: Luigi Cesarano
DURATA: 60 minuti
ANNO DI PRODUZIONE: 2018

Torna ai contenuti | Torna al menu